Da Trieste a Gorizia fra il mare e il muro

Da sempre in Venezia Giulia risiede il melting pot naturale più intenso del Paese.

In viaggio verso il nostro muro che divenne il simbolo della separazione tra Ovest ed Est, fra Italia e Jugoslavia. Era il 1947 e l’Italia aveva appena cominciato a saldare il suo debito per aver appoggiato la follia di Hitler. Quello follia che a Trieste vide la Risiera di San Sabba divenire un campo di concentramento nazista utilizzato come campo di detenzione di polizia (Polizeihaftlager), nonché per il transito o l’uccisione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici ed ebrei.

Eccoci quindi in Venezia Giulia un luogo dall’anima importante, oltre che il melting pot naturale più intenso del Paese, luogo in cui da secoli si mescolano caratteri mediterranei, mitteleuropei e slavi.

REPORTAGE FOTOGRAFIC

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.